COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni

Regole e schema di vaccinazione del gatto, cura degli animali dopo la procedura

Alcuni proprietari ritengono che prendersi cura di un animale domestico, in particolare un gatto, sia solo l'alimentazione tempestiva, il cambio della lettiera, la pettinatura e altre faccende domestiche. In effetti, i proprietari dovrebbero anche prendersi cura della salute del loro animale domestico, quindi devono conoscere le regole per vaccinare i gatti.

È generalmente accettato che i cani necessitino di vaccinazioni in misura maggiore e i rappresentanti dei felini, soprattutto quelli che trascorrono tutto il loro tempo all'interno dell'appartamento, per definizione, sono protetti da tutti i tipi di malattie trasmesse per strada, in particolare, da rabbia, fuoco di Sant'Antonio, ecc., ma non lo è.

Contenuto dell'articolo

Necessità di vaccinazione

Esiste? Certo, il rischio di contrarre determinate malattie in un gatto domestico che non visita la strada è leggermente inferiore al rischio di contrarre un animale che vive fuori casa. Allo stesso tempo, gli animali domestici possono essere facilmente infettati da quelle particelle di terra e polvere che entrano in casa con le scarpe, a volte con i vestiti, ecc.

Regole e schema di vaccinazione del gatto, cura degli animali dopo la procedura

I gatti di strada infetti rilasciano urina, feci e saliva nell'ambiente.

Tutti questi prodotti dell'attività animale contengono anche un virus che verrà trasmesso istantaneamente al tuo animale domestico, essendo in prossimità di lui.

Molto probabilmente, assecondi il tuo animale domestico con l'erba succosa della strada, che può anche diventare una fonte di infezione per l'animale.


Molti proprietari non pensano nemmeno a quanto sia pericoloso, ma, ad esempio, dalla rabbia, che viene trasmessa all'uomo, un gatto muore nella maggior parte dei casi di infezione. Anche altre malattie non sono sicure sia per l'animale che per la persona. Ad esempio, sia tu che i bambini che vivono nell'appartamento potete soffrire di herpes zoster, ma curarlo non è così facile come potrebbe sembrare.

Un animale può ammalarsi a causa di un sistema immunitario indebolito, i cui motivi sono:

  • Cibo di scarsa qualità;
  • Ecologia scadente;
  • Superlavoro;
  • Stress frequente;
  • Cambiamenti di temperatura frequenti.

Tuttavia, anche la presenza di una buona immunità in un gatto non garantisce che non sarà suscettibile alle malattie, quindi è necessario vaccinarsi contro malattie come licheni, rabbia, cimurro felino, calcivirosi, rinotracheite infettiva.

Tipi di vaccino

In base al principio di azione, i farmaci sono classificati come segue:

Regole e schema di vaccinazione del gatto, cura degli animali dopo la procedura
  • Monocomponente (monovalentee). Consentono all'animale di sviluppare l'immunità a qualsiasi disturbo;
  • Complesso (polivalente). Il vaccino contiene diversi tipi di virus contemporaneamente, grazie ai quali il gatto sviluppa l'immunità a più malattie contemporaneamente. I virus contenuti nel farmaco non sono in conflitto tra loro, quindi non danneggeranno l'animale. Di norma, quando si vaccinano i gatti, viene iniettato un farmaco che protegge dalle malattie infettive e dalla rabbia.

Puoi controllare il risultato della somministrazione del vaccino donando il sangue per l'analisi, che indica il livello di anticorpi.

A seconda dei virus utilizzati per l'iniezione, ci sono due tipi di farmaci iniettati:

  • Live. Includono virus alterati o indeboliti in condizioni di laboratorio che causano una risposta immunitaria. Questi farmaci sono generalmente vaccinati per i gatti contro panleucopenia, clamidia, rinotracheite, calcivirosi;
  • Morto. Questi farmaci utilizzano virus che vengono uccisi dai prodotti chimici o dal calore.

Nonostante il fatto che i farmaci siano diversi, i loro effetti sono gli stessi. Una volta nel corpo dell'animale, provocano la sua immunità per combattere i virus, grazie ai quali si sviluppa una reazione protettiva stabile.

Schema di vaccinazione per animali

Regole e schema di vaccinazione del gatto, cura degli animali dopo la procedura

Prima di contattare il veterinario per somministrare il farmaco al tuo animale domestico, dovresti familiarizzare con l'algoritmo con cui viene eseguito.

Devi anche considerare l'età del tuo animale domestico. Nelle prime settimane della sua vita gli vengono ancora trasmessi gli anticorpi dalla madre e verso le 10 settimane diventa più vulnerabile.

Pertanto, lo schema di vaccinazione del gatto presume che la prima procedura venga eseguita a 10-12 settimane di vita dell'animale.

Se sua madre non è stata vaccinata, dovrebbe essere eseguita a 8 settimane. Se hai trovato il tuo animale domestico per strada, è improbabile che scoprirai se tua madre è stata vaccinata.

In questo caso, la vaccinazione viene solitamente effettuata a circa 8 settimane di vita del gattino, ma il veterinario dovrebbe fissare i tempi dopo l'esame.

Se, a causa delle condizioni di salute, l'evento è stato rinviato, non può essere tenuto all'età di 4-7 mesi, indipendentemente dalla razza dei gatti e dal tipo di vaccinazione in corso. Ciò è dovuto al fatto che durante questo periodo gli animali cambiano i denti.

Il programma di vaccinazione è simile a questo:

Regole e schema di vaccinazione del gatto, cura degli animali dopo la procedura
  • Se l'animale non è stato vaccinato entro un anno, deve essere vaccinato contro la rinotracheite, la panleucopenia prima del rivestimento. Durante la gravidanza, non puoi vaccinare il tuo animale domestico con un vaccino vivo - può danneggiare i futuri gattini;
  • A 6-8 settimane, viene somministrata la vaccinazione contro calcivirosi, rinotracheite, panleucopenia;
  • A 12 settimane di età, un gattino viene testato per ELISA. Se il risultato è negativo, dopo l'esame, viene eseguita la vaccinazioneleucemia iv;
  • La polmonite felina viene vaccinata a 10 settimane di vita e la rivaccinazione (iniezione ripetuta) a 14-16 settimane. È necessario ripetere la procedura 1 volta / anno;
  • A 16 settimane di vita, il gattino viene vaccinato contro la rabbia, oltre a ripetute vaccinazioni contro rinotracheite, panleucopenia, calcivirosi;
  • A 15-16 mesi viene somministrata un'inoculazione contro rabbia, panleucopenia, leucemia, calcivirosi, rinotracheite. Ulteriori procedure vengono eseguite ogni anno.

Regole di base

Devono essere presi in considerazione in modo che l'evento sia solo benefico, non dannoso.

Regole e schema di vaccinazione del gatto, cura degli animali dopo la procedura
  1. Non vaccinarti mai a casa. Solo un veterinario sa come farlo correttamente senza danneggiare i muscoli dell'animale;
  2. È imperativo eseguire la sverminazione 7-10 giorni prima della procedura. In caso contrario, il farmaco iniettato non avrà l'efficacia desiderata;
  3. Per i gatti anziani, la vaccinazione richiede la consultazione di un veterinario. Se prima l'animale è stato vaccinato in modo tempestivo, non c'è praticamente alcun pericolo di somministrare farmaci a un gatto anziano. Se non è stato vaccinato prima, in età avanzata questo di solito viene fatto se necessario per proteggere l'animale dal contrarre malattie infettive quando si presenta una tale minaccia;
  4. Gli animali domestici in gravidanza non devono essere vaccinati, così come gli animali in allattamento o malati. Lo stesso vale per il periodo postoperatorio (circa un mese), trattamento antibiotico. Dovresti anche rifiutare la vaccinazione se il tuo animale domestico deve subire un intervento chirurgico nel prossimo mese;
  5. Per non ferire l'animale, non vaccinarlo se prevedi di spostarti, mandalo a una mostra, accoppiandoti.
Regole e schema di vaccinazione del gatto, cura degli animali dopo la procedura

È importante ricordare che solo un gatto sano deve essere vaccinato, altrimenti potrebbero esserci conseguenze negative.

Ricorda che un gatto può vomitare dopo la vaccinazione. Questa condizione è il limite della norma, essendo la reazione del corpo al farmaco. Molti veterinari sono inclini a credere che il vomito possa normalmente aprirsi una volta. Tuttavia, questo può accadere più di una volta.

Se non si ferma per molto tempo (entro pochi giorni), dovresti contattare il tuo veterinario.

Questa condizione non si manifesta sempre ed è spesso il risultato di intolleranza animale a un particolare farmaco. Se vuoi prevenire il vomito la prossima volta, prendi un vaccino diverso: forse il corpo dell'animale reagirà in modo diverso.

Ricorda che la salute del tuo animale domestico è una tua responsabilità e una vaccinazione tempestiva lo aiuterà a proteggerlo da vari disturbi.

Come si fa l'iniezione sottocutanea? (Gli Educational di Humanitas)

Messaggio precedente Curettage diagnostico e terapeutico della cavità uterina
Post successivo Quali supposte ad azione antinfiammatoria sono adatte per curare l'infiammazione delle appendici?