Ti assolvo dai tuoi peccati

Preghiera permissiva dopo la confessione

Una preghiera di permesso è una preghiera di purificazione, che viene recitata da un chierico su una persona dopo aver eseguito un certo rito. Si ritiene che grazie a lei una persona possa sbarazzarsi delle impurità e quindi avvicinarsi al Signore.

Scopriremo in quali casi vengono pronunciate formule verbali di pulizia e perché ciò viene fatto.

Contenuto dell'articolo

Quando viene letta la preghiera di autorizzazione?

In sostanza, la formula di purificazione è l'assoluzione del Blog attraverso il sacerdote dei peccati umani. Tuttavia, si pronuncia solo se il cristiano si è veramente reso conto dei propri errori e ha odiato il peccato che ha commesso lui stesso. Quando viene letta la preghiera di autorizzazione?

Nell'Ortodossia, secondo un'antichissima tradizione, il perdono dei peccati con l'uso della purificazione si verifica solo in tre casi:

  • dopo il parto;
  • dopo la confessione;
  • al servizio funebre.

In quest'ultima versione, dopo aver completato il rituale, al defunto viene posto in mano un pezzo di carta con la formula o un viaggio su strada, come viene comunemente chiamato nel circolo della chiesa.

Preghiere funerarie

Preghiera permissiva dopo la confessione

L'intero servizio di sepoltura consiste in molti canti, che sono cantati dal sacerdote durante l'evento senza gioia. I testi descrivono il destino umano in modo astratto, partendo dai riferimenti al peccato originale, che è stato commesso dai nostri antenati Adamo ed Eva, e terminando con i comandamenti che una persona semplicemente ritorni alla polvere da cui è stata presa.

È interessante che la preghiera di commiato sul defunto possa essere letta solo se ha condotto una vita gradita al Signore.

I segni di una tale vita includono:

  • condurre una vita spirituale;
  • Confessione periodica in chiesa;
  • comunione regolare.

Dopo la solenne, ma non molto gioiosa precessione al cimitero, e il sacerdote legge un certo numero di estratti dal Vangelo, il rito di purificazione inizierà con la recita di una preghiera di permesso al solenne servizio funebre.

Grazie alle parole liberatorie del sacerdote, il defunto viene perdonato per i suoi peccati, e in un certo senso viene liberato dalle difficoltà e dalla fragilità di questo mondo, se, naturalmente, durante la sua vita si è ripetutamente pentito davanti al Signore dopo aver commesso azioni empie. Come menzionato sopra, dopodiché un pezzo di carta con il testo della preghiera del permesso viene messo nelle mani del defunto. Quindi, entrando nell'aldilà, una persona si riconcilia con il Signore.

Quando la formula di eliminazione non viene letta?

Questo accade solo se il sacerdote rifiuta di prestare servizio al defunto, cosa possibile in tali situazioni:

Preghiera permissiva dopo la confessione
  • I giorni di Pasqua e Natale sono considerati dal clero ortodosso non lavorativo , quindi il defunto non viene portato in chiesa e il servizio funebre non viene dato, anche se era una persona molto devota durante la sua vita;
  • Se, prima della morte, nella sua volontà, una persona chiede di non eseguire un rituale su di lui;
  • Neanche il prete rispetterà i suicidi al funerale. Ma se si scopre che il defunto aveva disturbi mentali, puoi tentare la fortuna in una certa commissione - l'amministrazione diocesana, dove, in via puramente teorica, possono rilasciare l'autorizzazione per un servizio funebre.

Sacramento della Penitenza

Il pentimento o la confessione è un rituale in cui una persona confessa a un sacerdote di aver commesso peccati. Nel processo di un monologo unilaterale, da parte del pentito, ovviamente, il sacerdote gli perdona tutti i peccati, grazie ai quali riceve invisibilmente automaticamente il perdono da Gesù Cristo stesso.

In effetti, il processo di confessione è un lavoro mentale molto duro che costringe una persona a mettere a nudo la sua anima di fronte a un servo del Signore , ad es. un prete.

Come viene fatto il pentimento?

  • Il sacerdote recita alcune preghiere, incoraggiando il cristiano sinceramente a confessare i suoi peccati;
  • Quindi un uomo, in piedi davanti all'analogo, su cui giace il Vangelo, come prima che il Signore esprima tutti i suoi peccati;
  • Dopo la confessione, il sacerdote copre la testa del pentito con un nastro tessuto ricamato - epitrachilia;
  • Successivamente, viene recitata una preghiera di assoluzione presso il sacramento della confessione, grazie alla quale il sacerdote in nome di Cristo libera un cristiano dai peccati.

Il pentimento dei peccati davanti a una persona contribuisce alla purificazione dell'anima di un cristiano, grazie al quale è riconciliato con il Signore.

Preghiera di autorizzazione per la madre

La cosa più interessante è che la Chiesa ortodossa russa non ha alcun diritto dottrinale di assumere alcuna impurità fisica, che è ripetutamente menzionata nel Nuovo Testamento, in particolare, negli Atti al cap. 10 e nel Vangelo di Marco al cap. 7. Quindi, una persona può essere contaminata solo mentalmente, ma in pratica la situazione è diversa. L'impurità fisica rituale di un cristiano impedisce la connessione con il sacro.

Forse l'antipatia per la donna è dovuta al comportamento di Eva, che tuttavia diede la mela proibita ad Adamo.

In effetti, infatti, solo le donne possono essere fisicamente impure nell'Ortodossia:

Preghiera permissiva dopo la confessione
  • Qiclical impurità. I giorni critici possono essere considerati un'indicazione diretta per impedire alle donne di entrare in chiesa. Durante questo periodo non ha il diritto di toccare alcun oggetto sacro o di ricevere la comunione. Si fa eccezione solo per coloro che sono sul letto di morte al momento delle mestruazioni;
  • Impurità generica. Le madri appena formate sono considerate impure per 40 giorni dopo la nascita di un bambino, quindi dovrebbero astenersi dall'andare in chiesa. Come nella versione precedente, non ha il diritto di ricevere la comunione e toccare oggetti sacri.

Da dove viene, in generale, il concetto di impurità, in base al quale si dovrebbe dire una preghiera di permesso per la madre?

Questo concetto è stato preso in prestito dall'Ortodossia dal giudaismo o, per essere più precisi, dalle prescrizioni del libro del Levitico. È in esso che si dice che una donna è impura durante le mestruazioni, così come per 40 giorni dopo aver espulso il bambino dal suo grembo.

Il fatto che una donna sia trattata con pregiudizio è dimostrato anche dal fatto che alla nascita di un maschio è impura per 40 giorni, alla nascita di una ragazza - tutti 80. Apparentemente, la bella metà dell'umanità ha affrontato tale discriminazione solo a causa di per il peccato originale commesso da Dio sa quando Eva.

D'altra parte, nel giudaismo e nel cristianesimo, la nascita di un bambino dovrebbe essere considerata una benedizione. In questo caso, puoi fare appello alla prima Lettera a Timoteo cap. 2, che dice che la moglie verrà salvata dal parto . In effetti, questo momento è omesso e nelle moderne idee ortodosse, il parto è identificato con la contaminazione. Ecco perché il sacerdote deve leggere una preghiera speciale di permissività dopo il parto in modo che una donna possa tornare in chiesa dopo 40 o 80 giorni.

La preghiera permissiva è un modo peculiare di purificare l'anima umana, grazie al quale un cristiano può avvicinarsi al Signore. Nonostante un certo insieme di leggi restrittive stabilite da regole canoniche, la formula della purificazione consente a una persona di sbarazzarsi dei pesi dei propri peccati.

COME PREPARARSI ALLA CONFESSIONE

Messaggio precedente Realizzare un gatto con il feltro: i segreti della maestria
Post successivo Ricette per fare una deliziosa torta di pasta tritata